menu
logo ilcamminodelparco
profile
Comprimi il riquadro laterale

Fondazione Alario

La Fondazione Alario per Elea-Velia è un’istituzione di promozione e di organizzazione della cultura senza fini di lucro, che nel 2016 ha raggiunto il trentesimo anno di attività. È stata infatti costituita il 6 maggio 1986 per volontà della Sig.​na Gaetana Alario, ultima erede d’un’illustre famiglia cilentana.

 La ristrutturazione e riqualificazione del Palazzo Alario sono state affidate all’architetto Paolo Portoghesi e all’ing. Vittorio Gigliotti. I lavori, terminati nel 1999, si inseriscono in un più vasto progetto che ha compreso anche la realizzazione di un vero e proprio complesso polifunzionale: il Cine-Teatro-Auditorium ‘Parmenide’, il Teatro all’aperto ‘Zenone’, il Piazzale monumentale con il Portico ‘La Passeggiata dei Filosofi’, la Foresteria ‘Il Ritrovo di Parmenide’. Completano la struttura il grande giardino con frutteti e l’ampio parcheggio le cui tettoie sono tutte dotate di pannelli per l’energia solare. Gli architetti hanno operato nel pieno rispetto della memoria storica dell’edificio, recuperando la maggior parte delle strutture e degli elementi decorativi preesistenti e creando al contempo nuovi spazi aperti al pubblico. Per raggiungere lo storico Palazzo si attraversa il Piazzale in marmo travertino, una moderna agorà circondata dai simboli della cultura e dell’eccellenza della tradizione produttiva del Cilento: una pianta d’ulivo, una vite e un fico.

 Il giardino è arricchito da due opere dello scultore contemporaneo Vincenzo Cerino: la statua bronzea di Parmenide, in onore del grande pensatore e fondatore della scuola eleatica; la Fontana delle Cinque Sorelle, in riferimento alle cinque dighe (Nocellito, Carmine, Alento, San Giovanni e Fabbrica) che il Consorzio Irriguo di Miglioramento Fondiario di Vallo della Lucania e il Consorzio Velia per la bonifica del bacino del Fiume Alento hanno realizzato sul territorio.

La Fondazione Alario per Elea-Velia è un’istituzione di promozione e di organizzazione della cultura senza fini di lucro, che nel 2016 ha raggiunto il trentesimo anno di attività. È stata infatti costituita il 6 maggio 1986 per volontà della Sig.​na Gaetana Alario, ultima erede d’un’illustre famiglia cilentana.

 La ristrutturazione e riqualificazione del Palazzo Alario sono state affidate all’architetto Paolo Portoghesi e all’ing. Vittorio Gigliotti. I lavori, terminati nel 1999, si inseriscono in un più vasto progetto che ha compreso anche la realizzazione di un vero e proprio complesso polifunzionale: il Cine-Teatro-Auditorium ‘Parmenide’, il Teatro all’aperto ‘Zenone’, il Piazzale monumentale con il Portico ‘La Passeggiata dei Filosofi’, la Foresteria ‘Il Ritrovo di Parmenide’. Completano la struttura il grande giardino con frutteti e l’ampio parcheggio le cui tettoie sono tutte dotate di pannelli per l’energia solare. Gli architetti hanno operato nel pieno rispetto della memoria storica dell’edificio, recuperando la maggior parte delle strutture e degli elementi decorativi preesistenti e creando al contempo nuovi spazi aperti al pubblico. Per raggiungere lo storico Palazzo si attraversa il Piazzale in marmo travertino, una moderna agorà circondata dai simboli della cultura e dell’eccellenza della tradizione produttiva del Cilento: una pianta d’ulivo, una vite e un fico.

 Il giardino è arricchito da due opere dello scultore contemporaneo Vincenzo Cerino: la statua bronzea di Parmenide, in onore del grande pensatore e fondatore della scuola eleatica; la Fontana delle Cinque Sorelle, in riferimento alle cinque dighe (Nocellito, Carmine, Alento, San Giovanni e Fabbrica) che il Consorzio Irriguo di Miglioramento Fondiario di Vallo della Lucania e il Consorzio Velia per la bonifica del bacino del Fiume Alento hanno realizzato sul territorio.

Comprimi il riquadro laterale
CHIUDI