menu
logo ilcamminodelparco
profile
Comprimi il riquadro laterale

Caselle in Pittari

Prima di raggiungere l’abitato di Caselle in Pittari, si consiglia una sosta tra gli scavi dell’area archeologica di Laurelli, dove sono stati portati alla luce i resti d’un sito lucano del IV secolo a.C. A monte del centro abitato, sorge il Santuario rupestre dedicato a San Michele Arcangelo. Costruito nell’XI secolo, il Santuario è praticamente costituito da due grotte distanti pochi metri. Quella di San Michele ospita un altare policromo alle cui spalle, in una nicchia, è collocata una statua del Santo. A sinistra dell’altare si trova un antico bassorilievo in pietra di San Michele. Da Caselle in Pittari la strada, quasi seguendo il corso del torrente Bussentino, comincia a scendere in maniera vertiginosa, fino a raggiungere i 260 metri di Morigerati.

Prima di raggiungere l’abitato di Caselle in Pittari, si consiglia una sosta tra gli scavi dell’area archeologica di Laurelli, dove sono stati portati alla luce i resti d’un sito lucano del IV secolo a.C. A monte del centro abitato, sorge il Santuario rupestre dedicato a San Michele Arcangelo. Costruito nell’XI secolo, il Santuario è praticamente costituito da due grotte distanti pochi metri. Quella di San Michele ospita un altare policromo alle cui spalle, in una nicchia, è collocata una statua del Santo. A sinistra dell’altare si trova un antico bassorilievo in pietra di San Michele. Da Caselle in Pittari la strada, quasi seguendo il corso del torrente Bussentino, comincia a scendere in maniera vertiginosa, fino a raggiungere i 260 metri di Morigerati.

Comprimi il riquadro laterale
CHIUDI