menu
logo ilcamminodelparco
profile
Comprimi il riquadro laterale

Ascea Marina

L'insabbiamento del porto fluviale dell'Antica Elea e il ricongiungimento alla terraferma delle due isolette enotrie che, come abbiamo visto, facevano da sentinelle allo scalo commerciale elino, portò alla formazione di una lunga striscia di spiaggia che oggi rappresenta il cuore della Marina di Ascea. Qui arriviamo ancora un po' storditi dal fascino e dalle suggestioni create dalle mura dell'antica colonia focea. La macchina del tempo riprende a correre ad una velocità vertiginosa, restituendoci i segni e le forme di quella modernità che ci eravamo volentieri lasciati alle spalle varcando la Porta Maria. La spiaggia della Marina è la prima ad accoglierci: molto ampia, finemente sabbiosa, ventilata, affacciata su un mare cristallino. L'ideale per l'attività balneare. Ci spostiamo ancora un poco più a Sud e raggiungiamo la Baia d'Argento, un'incantevole insenatura accessibile in parte a piedi e in parte da mare che, ci piace immaginarlo, dovette sedurre non poco anche Parmenide e i suoi discepoli. Un altro salto e siamo alla Baia Rondinella, un altro angolo di paradiso, psoto immediatamente allae spalle dello "Scuoglio ri nanti", ultimo punto di contatto con la terraferma. il confine estremo è segnato dall'ntica Torre del Telegrafo, dichiarata sito di interesse comunitario: posto alla sommità di una monumentale scogliera, è quasi completamente ricoperta dalla Ginestra del Cilento. Anche Marina di Ascea ha il suo bel lungomare, a ridosso della scogliera: bar, enoteche, locali tipici, ristoranti offrono al turista ogni genere di distrazione e divertimento.

L'insabbiamento del porto fluviale dell'Antica Elea e il ricongiungimento alla terraferma delle due isolette enotrie che, come abbiamo visto, facevano da sentinelle allo scalo commerciale elino, portò alla formazione di una lunga striscia di spiaggia che oggi rappresenta il cuore della Marina di Ascea. Qui arriviamo ancora un po' storditi dal fascino e dalle suggestioni create dalle mura dell'antica colonia focea. La macchina del tempo riprende a correre ad una velocità vertiginosa, restituendoci i segni e le forme di quella modernità che ci eravamo volentieri lasciati alle spalle varcando la Porta Maria. La spiaggia della Marina è la prima ad accoglierci: molto ampia, finemente sabbiosa, ventilata, affacciata su un mare cristallino. L'ideale per l'attività balneare. Ci spostiamo ancora un poco più a Sud e raggiungiamo la Baia d'Argento, un'incantevole insenatura accessibile in parte a piedi e in parte da mare che, ci piace immaginarlo, dovette sedurre non poco anche Parmenide e i suoi discepoli. Un altro salto e siamo alla Baia Rondinella, un altro angolo di paradiso, psoto immediatamente allae spalle dello "Scuoglio ri nanti", ultimo punto di contatto con la terraferma. il confine estremo è segnato dall'ntica Torre del Telegrafo, dichiarata sito di interesse comunitario: posto alla sommità di una monumentale scogliera, è quasi completamente ricoperta dalla Ginestra del Cilento. Anche Marina di Ascea ha il suo bel lungomare, a ridosso della scogliera: bar, enoteche, locali tipici, ristoranti offrono al turista ogni genere di distrazione e divertimento.

Comprimi il riquadro laterale
CHIUDI